L’IDENTIFICAZIONE DIRETTA IVA IN ITALIA DI SOGGETTI NON RESIDENTI

L’IDENTIFICAZIONE DIRETTA IVA IN ITALIA DI SOGGETTI NON RESIDENTI

maggio 23, 2018 Consulenza aziendale Normativa italiana 0
l'identificazione diretta IVA in Italia dei soggetti non residenti

L’identificazione diretta IVA è un’istituto messo a disposizione dal legislatore comunitario ai soggetti non residenti che compiono operazioni IVA rilevanti nel territorio di uno Stato Membro.

Conformemente alla normativa comunitaria vigente, l’identificazione diretta IVA viene adottata in assenza di una stabile organizzazione in Italia oppure in alternativa alla rappresentanza fiscale, quando un soggetto non residente fa le cessioni di beni territorialmente rilevanti o prestazioni di servizi sul territorio italiano nei confronti di:

  1. Privati consumatori;
  2. Enti non commerciali privi di p. IVA;
  3. Soggetti non residenti anche se in possesso di p. IVA.Tra varie motivazioni del legislatore comunitario, la normativa  n.2000/65/CE mira all’assicurazione del buon funzionamento del mercato interno, per cui

    è essenziale che i consumatori possano negoziare e concludere contratti con un fornitore insediato in altri Stati membri, indipendentemente dal fatto che il fornitore sia o meno legalmente stabilito nello Stato membro di residenza del consumatore.

    Con il sistema di identificazione diretta IVA, ciascun contribuente stabilito in uno degli Stati Membri UE può rilevare le cessioni di beni e le prestazioni di servizi effettuate in un altro Stato UE.  In tale modo diventa un debitore o creditore dell’IVA delle operazioni ivi effettuate e può eseguire la detrazione dell’imposta.

    PROCEDURA

    Quando un soggetto passivo non residente vuole identificarsi direttamente in Italia, deve percorrere una apposita procedura per acquisire il numero di P.IVA.
    Il procedimento per il rilascio del numero della partita IVA in Italia ai soggetti esteri prevede:

    1. compilazione e sottoscrizione del modello ANR/3 dove si deve specificare l’attività di un ente richiedente, dichiarata sulla base dei codici ATECO
    2. presentazione dei seguenti allegati:
    -certificato rilasciato da un paese estero dove ha la sede legale l’impresa richiedente che attesti l’iscrizione in loco ai fini IVA,
    -certificato aggiornato della Camera di Commercio del paese dove ha la sede l’impresa estera,
    -le traduzioni in lingua italiana di due predetti certificati e la copia di un documento d’identità della persona che le ha effettuate,
    -la copia di un documento d’identità del firmatario della richiesta di identificazione diretta o del suo legale rappresentante,
    dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà ai sensi dell’art. 47 del DPR 445/2000 sottoscritta dal legale rappresentante della società, dove si dichiara in particolare:
    a) le attività svolte nel paese estero dove è stabilita l’impresa,
    b) le attività che si intende svolgere in Italia a seguito dell’identificazione diretta,
    c) la natura dei soggetti a cui si rivolge l’attività in Italia,
    d) l’assenza di stabile organizzazione sul territorio italiano.

    La documentazione sopra elencata viene presentata all’Agenzia delle Entrate Centro operativo di Pescara prima dell’effettuazione delle operazioni di cessioni di beni o prestazioni di servizi in oggetto sul territorio italiano.

CONTABILITA’

Il soggetto non residente, sottoscrivendo la dichiarazione di identificazione diretta IVA in Italia si assume l’impegno di adempiere ed esibire le scritture contabili obbligatorie all’amministrazione finanziaria italiana.  Per tale soggetto si applicano le disposizioni del D.P.R. 633/72 nell’ambito di fatturazione, registrazione, versamenti dell’imposta, presentazione della dichiarazione annuale ed altri adempimenti, tra cui rientra la presentazione dei modelli Intrastat.

******

autore del blogAutore: Anna Czerwinska, laureata in Economia aziendale presso l`Università di Economia ed Innovazione di Lublino e l`Università Carlo Bo a Urbino, traduttore iscritto sulla lista dei periti presso la Camera di Commercio a Macerata in Italia, in collaborazione con Studio Commerciale Farina Torresi & Associati 

Contatti: a.czerwinska@firmissima.com / www.firmissima.com

L`autore del testo si impegna a fornire le informazioni aggiornate e curate con la massima scrupolosità e diligenza. I contenuti presenti in questo sito sono  puramente informativi e l`autore non rilascia alcuna dichiarazione né garanzia, in merito alla precisione o completezza delle informazioni presenti in questo sito.

Servizi per le imprese fra Italia e Polonia

 

Servizi per le imprese fra Italia e Polonia

 

Sharing is caring:

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook
GOOGLE
http://italiapoloniawbiznesie.it/it/2018/05/23/identificazione-diretta-iva-in-italia/">
Twitter
LinkedIn